Aliveda

Acufene: Rumori Invisibili dell’orecchio  

Gli acufeni rappresentano una condizione debilitante che affligge molte persone, dando vita a una sinfonia di suoni inesistenti, come ronzii, fischi o battiti, che nella maggior parte dei solo il paziente può udire. Possiamo distinguere più specificatamente due tipi di acufeni: quelli soggettivi, in cui il rumore è del tutto apparente in assenza di un vero stimolo acustico; quelli oggettivi, in cui il rumore percepito è generato da alcune strutture interne dell’orecchio, ad esempio a causa di un flusso sanguigno eccessivamente turbolento o la presenza di vasi anomali.  

Sebbene le cause siano diverse e complesse, l’acufene può derivare da vari fattori, tra cui danni all’udito, problemi di circolazione o stress.

Cause degli Acufeni:

Danni all’udito: Esposizione prolungata a suoni ad alta intensità, invecchiamento o lesioni all’orecchio interno possono causare acufeni. Possiamo fare l’esempio dei cacciatori o di lavoratori che, in modo più o meno frequente, sono esposti a boati e rumori di alta intensità improvvisi. Questi eventi, ripetuti con il tempo, possono danneggiare le strutture interne dell’orecchio causando l’insorgenza di questa condizione. 

Problemi di circolazione: Una circolazione sanguigna compromessa può influire negativamente sulla salute dell’orecchio interno, contribuendo agli acufeni. Infatti, come per tutti i tessuti e organi del nostro corpo, anche per l’orecchio una corretta circolazione è fondamentale per garantire un corretto funzionamento di tutte le strutture. 

Stress e ansia: Condizioni psicologiche come stress e ansia possono exacerbare o scatenare acufeni.

Malattie croniche: Alcune malattie croniche, come l’ipertensione o il diabete, sono state associate agli acufeni. È importante quindi monitorare queste condizioni, al fine di prevenire l’insorgenza dell’acufene o di altre condizioni più gravi. 

Per quanto riguarda i rimedi, al giorno d’oggi non ci sono evidenze che supportano in pieno l’utilizzo di alcune molecole e principi attivi. In aggiunta, trattandosi di una patologia cronica e debilitante con il passare del tempo, non è infrequente l’utilizzo di antidepressivi per il benessere mentale dei pazienti.

In questo contesto però, alcuni rimedi naturali hanno dimostrato di avere delle potenzialità per il trattamento o la gestione dell’acufene. 

Auricularia e Reishi: questi funghi sono utilizzati da tempo nella medicina cinese per migliorare la circolazione e alleviare disturbi dell’orecchio. Infatti, grazie al contenuto in beta-glucani e adenosina hanno un effetto anticoagulante, che evita quindi la formazione di coaguli e trombi, e ipotensivo. Questi effetti garantiscono una migliore circolazione sanguigna agendo quindi su uno dei fattori scatenanti dell’acufene. 

Rosa Canina: ricca di vitamina C e antiossidanti, la rosa canina può svolgere un ruolo importante nel supportare la salute dell’orecchio e ridurre l’infiammazione. Inoltre, grazie alla sintesi del collagene indotta proprio dalla vitamina C, la rosa canina ottimizza la circolazione sanguigna rafforzando le pareti dei vasi e mantenendole elastiche. 

Hericium erinaceus: un fungo molto usato nella medicina naturale cinese e giapponese per le sue storiche proprietà. È probabilmente uno dei primi nootropi mai studiati, provvede infatti alla riparazione delle cellule del sistema nervoso centrale e periferico che si sono danneggiate a causa del logoramento quotidiano, della vecchiaia e della malattia. Questo effetto è molto importante per la riparazione e il mantenimento delle strutture nervose presenti a livello dell’orecchio interno, fondamentali per la corretta trasmissione dei segnali acustici. 

Curcumina e berberina: queste due molecole di origine vegetale sono altamente conosciute per le loro proprietà antinfiammatorie e antiossidanti. Queste due caratteristiche le rendono utili per ridurre l’infiammazione e la presenza di radicali liberi a livello dell’orecchio, favorendo quindi un corretto funzionamento delle strutture interne e dall’altro lato riducendo la possibile insorgenza dell’acufene. 

È importante sottolineare che la gestione degli acufeni varia da persona a persona, e consultare un professionista della salute è fondamentale per una diagnosi accurata e un piano di trattamento personalizzato. I rimedi naturali possono essere un complemento valido, ma devono essere selezionati da professionisti competenti in modo specifico per ogni condizione. 

Altri Articoli

Hai bisogno
di informazioni?

Scrivici

I nostri

contatti

Benvenuti nell'Area Professionisti! Ora puoi accedere a delle informazioni esclusive all'interno della scheda di ogni prodotto.